Sarde a beccafico (alla catanese)

Yields: 2 Servings Difficulty: Medium Prep Time: 15 Mins Cook Time: 10 Mins Total Time: 25 Mins

Sarde a beccaficoQuesta è una di quelle ricette tipiche siciliane che non solo cambia tra le varie parti della Sicilia (ne esiste una versione palermitana e un’altra messinese) ma cambia anche da famiglia in famiglia.

Come sempre vi riporto la mia ricetta, quella che mi è stata tramandata e che è quella che preferisco in assoluto!

l nome del piatto deriva dai beccafichi, volatili della famigliadei Silvidi. In passato i nobili siciliani li consumavano, dopo averli cacciati, farciti delle loro stesse viscere e interiora. Il piatto era gustoso ma inavvicinabile al popolo in quanto bene di lusso.

I popolani siciliani ripiegarono quindi sulle materie prime che potevano permettersi ovvero le sarde. Per imitare il ripieno d’interiora si pensò di utilizzare la mollica di pane, i pinoli e poco altro.[1]

Siete pronti a scoprire questa gustosissima versione? Vediamo insieme la ricetta (io di solito le faccio “a sentimento” ma ho provato a tradurre più o meno in grammi le proporzioni ma siete quindi ovviamente liberi di essere poco fiscali nel rispettarle).

 

Ingredients

0/15 Ingredients
Adjust Servings
  • Per la farcitura
  • Per friggere
  • Per la copertura esterna

Instructions

0/8 Instructions
    Prepariamo la farcitura
  • Aprite le sarde a libro senza dividere le due metà e mettetele a marinare in olio e aceto per almeno 15 minuti.
  • Mettete in ammollo l'uvetta per 10 minuti e sciacquate i capperi per eliminare il sale in eccesso.
  • Tostate i pinoli in padella.
  • Tostate leggermente i 50g di pangrattato (quello per l'interno non quello della panatura esterna).
  • Unite al pangrattato, il caciocavallo, i pinoli, l'uvetta strizzata, i pomodorini a dadini piccoli, il prezzemolo tritato, la scorza di limone, i capperi strizzati, il sale ed il pepe.
  • Prendete una sarda tra le mani e disponete all'interno un cucchiaio circa di impasto che avrete compattato con l'altra mano, distribuitelo per tutta la lunghezza della sarda e copritelo con l'altra sarda. Proseguite così con tutte le sarde.
  • Preparate 2 piatti piani e mettete in uno il pangrattato e nell'altro l'uovo sbattuto con un cucchiaino di aceto.
  • Passate le sarde prima nell'uovo e poi nel pangrattato e friggetele in olio a 180°.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.